giovedì 8 agosto 2013

Val d'Arzino, un sabato pomeriggio...

...lasciata l'automobile nell'abitato di San Francesco
ci inerpichiamo sulla pista CAI 810a 
parzialmente adombrata...
 
 
...dove non mancano fiori spontanei...
 
 
...ed esemplari di Fegea, o farfalla di San Giovanni...
 
 
...i cani, al solito, ci precedono...
 

 
...al nostro fianco spunta uno spallone roccioso...
 
 
...e finalmente si apre uno scorcio sulla valle...

 
...poco dopo cambia il paesaggio e la faggeta si apre facendo scorgere "Casa Giaf" (950 m)...
 
 
...rifugio piacevole dove sostare per ritemprarsi delle due ore
(o poco meno) di salita e pranzare in tutta tranquillità...
 
 
...poco oltre il rifugio continua il sentiero...

 
...tra antiche dimore in pietra...
 
 
...e resti di faggi secolari...
 
 
...abitati dal Cerambice del faggio, la rara Rosalia Alpina,
coleottero piuttosto grandicello dalla livrea inconfondibile...
 
 
...che rende onore a questi meravigliosi boschi!

(cliccando sulle parole in grigetto si aprono i collegamenti)
 


4 commenti:

  1. Che bello quel Cerambice! Sono anni che non ne vedo uno di questo tipo!

    RispondiElimina
  2. splendido! peccato la foto non gli renda giustizia, ma è dal telefonino...un video sarebbe stato più appropriato, visto l'aspetto aggressivo che aveva assunto quando mi sono avvicinata per immortalarlo!

    RispondiElimina
  3. Anche Fr@ con il papà e altri escursionisti ha fatto la sua prima camminata.

    :-)

    bei posti davvero la montagna

    RispondiElimina